Quasi nessuno vuole il tuo prodotto

Quasi nessuno vuole il tuo prodotto

Se non credi finalmente in qualcosa o in te stesso, non la potrai mai raggiungere.

 Se avete intenzione di chiamare le persone nel business, ma vergognosamente distoglierete lo sguardo e inciamparete con le parole , chi andrà per voi?

In particolare, nel settore MLM è neccessario lavorare con fiducia su questi punti:

  1. La fiducia nella professione. 
  1. La fiducia nel Network Marketing. 
  1. La fiducia in se stessi.
  1. La fiducia che è un modello di business significativo, utile per le persone .

“Quasi nessuno vuole il tuo prodotto. Ma c’è una grande differenza tra “quasi nessuno” e “nessuno”.

Che non sono io così intelligente. Si tratta di Seth Godin.

Mi piace molto la storia della Madonna.

Il suo 12 ° album nella prima settimana fu acquistato da 359.000 persone negli Stati Uniti. E che vivono negli Stati Uniti circa 300 milioni.

Solo lo 0,1% degli americani stavano comprando la canzone di Madonna.

Il 99,9% non erano interessati di sentire o conoscere Madonna.

Allo stesso tempo, durante l’anno Madonna guadagno’ 34,5 milioni di dollari.

Conclusione 1:

Quasi nessuno ha interessato di Madonna

 Conclusione 2:

Questi “quasi nessuno” sono stati abbastanza per Madonna da guadagnare 34,5 milioni.

Quindi il nostro compito nel MLM e’ quello a trovare le persone che sono disposti ad acquistare i nostri prodotti.

Tali persone in percentuale trascurabile. Ma proprio a causa della loro ricerca che noi veranno pagati.

PostScriptum:

Quasi nessuno ha bisogno praticamente dei prodotti della vostra azienda di MLM.

Quasi nessuno ha bisogno del vostro business MLM.

 Ma questo “quasi nessuno” sara abbastanza per voi per avere sempre ” il pane con burro” ( realizzare i vostri sogni), e poi di lasciare un’eredità dignitosa hai vostri bambini.

E adesso vota la tua fiducia nel network marketing su una scala di 10 punti.

Penso che avete il lavoro da fare.

Quasi nessuno vuole il tuo prodotto

Una chiamata può cambiare la vita di migliaia di persone.

Una chiamata può cambiare la vita di migliaia di persone.

Dieci anni fa, un uomo mi ha parlato del Network Marketing. Me lo ha spiegato in tal modo che sono riuscito a sentirlo. Questa conversazione ha lasciato in me l’inizio di una serie di eventi che hanno influenzato notevolmente la mia vita e non solo la mia. Non so dove questo uomo si trovi adesso, non so cosa sta facendo, le nostre strade si sono separate ma questo invito ha gettato un sasso in acqua e ha cominciato a divergere in tanti cerchi. Queste cerchi hanno toccato la vita di decine di migliaia di persone. Considerando il fattore che non ho nessuna intenzione di fermarmi.

Pensateci.

Solo una conversazione, con uno sconosciuto può colpire la vita di decine di migliaia di persone.

La tua prossima chiamata potrebbe fare lo stesso. Forse nella prossima riunione potreste trovare un uomo che sarà una grande roccia e le increspature che partiranno da lui influenzerà molte migliaia di persone. Non si sa mai dove arriveranno i cerchi dal sasso gettato in acqua nemmeno quanto ci metterà a toccare il fondo. Sai solo che un fondo c’è da qualche parte di laggiù e quando il sasso lo raggiungerà forse i cerchi non avranno ancora terminato la loro corsa, non avranno smesso di cercare mete…

Adesso che sapete di avere tra le mani il destino di un numero enorme di persone questa idea vi eccita?

PostScriptum. Basta fare la prossima chiamata

Una chiamata può cambiare la vita di migliaia di persone.

Futuro delle professioni. Necessaria la creatività!!!

Futuro delle professioni. Necessaria la creatività!!!Futuro delle professioni. Necessaria la creatività!!!

La relazione sul futuro delle professioni, fatta di recente al World Economic Forum di Davos, hanno stilato l’elenco delle competenze che saranno maggiormente necessarie fra 5 anni.

L’elenco è molto interessante, perché mostra due tendenze principali nello sviluppo umano, della società e della cultura. Che tipo di persone saranno al culmine di una carriera fra 5 anni? Vediamo ed esaminiamo.

Riscontriamo che 5 delle 10 competenze riguardano la capacità di comunicare con le persone, di negoziare e gestire, comprendere e servire ( gestione del personale, l’interazione con la gente, la negoziazione, l’attenzione al cliente, l’intelligenza emotiva).

Un’ altro ambito di 4 su 10 competenze sono associate con la capacità del cervello: la capacità di pensare rapidamente, vedere l’essenza, trovare soluzioni ai problemi, generare nuovi progetti e idee (risoluzione di problemi complessi, creatività, flessibilità cognitiva, il pensiero critico).

Fra pochi anni, circa il 40% delle persone in tutto il mondo lavoreranno come freelance cosi come riportato dallo studio condotto da Accenture. Lo studio Accenture fornisce le seguenti cifre: circa il 47% di specialità può essere automatizzata nei prossimi 20 anni.

Conclusione: Se non si sa cosa studiare, studia le persone e le loro esigenze, così come allenare la tua mente per compiti cognitivi complessi. Penso che sia grande! Infine, arriva il momento in cui l’uomo stesso, con le sue emozioni, la motivazione e lo sviluppo è fondamentale per il mondo futuro.

Futuro delle professioni. Necessaria la creatività!!!

 

Il cambiamento

Il cambiamento.

Tutti sappiamo che il cambiamento fa parte della nostra esperienza di vita quotidiana. Qualsiasi cosa cambia: il sole nasce e muore ogni giorno, le cellule del nostro corpo si rinnovano sempre, il mondo non smette mai di modificarsi.

Il cambiamento, quindi, è qualcosa che conosciamo intimamente, da sempre, e in molte casi avviene senza il nostro permesso, automaticamente e senza che gli prestiamo alcuna attenzione. Siamo e viviamo di cambiamento.

IL mondo cambia a ritmo esponenziale, i nostri schemi mentali non si aggiornano con la stessa velocità. Il mondo emozionale dell’uomo occidentale è sottoposto a una pressione inedita , che genera ansie, paure e preoccupazioni che arrivano speso a superare il livello di guardia.

Ma come possiamo vincere la sfida del cambiamento nel lavoro, nelle relazioni, nella vita? Dobbiamo capire che il momento giusto per cambiare non arriverà mai, sarà sempre un azzardo. Dobbiamo trasformare la paura in azione!

Key points da Roberto Re:

  • Il cambiamento fa parte della nostra esperienza di vita quotidiana. Siamo e viviamo di cambiamento.
  • Sostituisci la parola “cambiamento” con termini che generano sensazioni positive: crescita, espansione, evoluzione, miglioramento, progresso.
  • La paura è una sensazione naturale e positiva che serve per informarti che stiamo per affrontare una situazione nuova e mette a nostra disposizione un surplus di energia.
  • Impara a valutare i segnali della paura e a capire quando la protezione diventa eccessiva.
  • La paura è uno stato mentale di cui sei tu l’artefice.
  • La paura nasce sempre dalla sensazione che qualcuno o qualcosa stia eliminando o minacci di eliminare uno dei tuoi bisogni fondamentali.
  • Essere coraggiosi non vuol dire non avere paura, ma semplicemente saperla affrontare e gestire.
  • Non puoi controllare gli eventi, ma puoi controllare il significato che gli attribuisce.
  • Il linguaggio che usi per descrivere cose ed eventi ne influenza la tua percezione.
  • Mente e corpo lavorano insieme. Puoi cambiare il tuo stato emozionale intervenendo sulla tua fisiologia e/o sui tuoi pensieri.
  • Ciò su cui ti focalizzi determina la tua realtà.
  • Lo stress è paura.
  • Ci sono due tipi di paura: una reale e una del tutto immaginaria e distaccata dalla realtà.
  • Ciò che ti genera piu stress nelle situazioni di cambiamento sono le paure non reali che la tua mente proietta.
  • Transforma la paura in azione! L’azione è un vero antidoto alla paura.

il cambiamento

Agisci adesso! Cambia la tua vita!

Agisci adesso! Cambia la tua vita!

“C’è qualcosa che con luce propria fa brillare tutto il resto. Questa è l’idea di benessere che ci aspetta dietro l’angolo. ”
Gilbert Keith Chesterton

Nel mercato del lavoro d’oggi, dove i posti di lavoro e tutte le professione scompaiono e sempre più rischioso sperare nell’affidabilità e nella fermezza di poter mantenere il vostro lavoro
Quello che tu desideri, nella realtà è molto differente. Ciò che speri che possa essere un lavoro per tutta la vita potrebbe rivelarsi una delusione e non durare per sempre.

Per inattività , a volte, si deve pagare molto di più che il rischio di cambiare qualcosa nella propria vita. Ma la maggior parte delle persone non sono abituati ad anticipare rischi della propria inattività e quanto la costera a loro.

Le aziende devono smettere di ingannare la gente, sostenendo l’ “affidabilità” del proprio lavoro, perché tale concetto è semplicemente inesistente in questo momento.

Oggi, la preoccupazione per il futuro professionale è un problema molto serio. Più della metà delle persone non pensa a voler cambiare il proprio lavoro, ma solamente ad un cambiamento di carriera! Viene da chiedersi! La metà di tutte le persone vogliono fare qualcosa di radicalmente diverso dalla sua occupazione attuale?

In realtà non è facile per chi ha dedicato diversi anni al proprio lavoro lasciare una carriera per poter inseguire qualcosa di nuovo. Tra i sogni di un altro lavoro e i passi reali in questa direzione è una distanza enorme. MOLTO ENORME, ripeto.

PERCHE LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE SOGNANO, MA NON AGISCONO.

Che cosa impedisce alle persone fare questo passo? Ci sono molti ostacoli differenti per le azioni rischiose, ma in fondo si riduce al fatto che noi come tutti gli esseri umani siamo propensi che ” meglio avere un uccello in mano che in cielo”.

A nessuno di noi piace vivere con l’incertezza soprattutto quando dalle possibili perdite e acquisizioni dipende il nostro tenore di vita e il benessere della nostra famiglia nel lungo termine. Psicologicamente, soprattutto in tempi di crisi economica, le persone sono più inclini a mantenere il proprio piccolo lavoro che a scommettere su qualche avventura con prospettive dubbie, che alla fine potrebbe essere più favorevole per loro.

Abbiamo tutti vari gradi di capacità di assumerci rischi che colpiscono i nostri calcoli sulle possibili acquisizioni e perdite se in definitiva le nostre soluzioni sono votate sulla volontà di cambiare qualcosa nella nostra vita.

Come percorrere questa strada dalla non azione pericolosa ad un’azione che possa portarti a nuove opportunità?

Inizia con la creazione di buoni rapporti, contatti con persone esistenti non vi aiutano a cambiare bruscamente la sua carriera. Quelle connessioni che esistono su un lavoro stabile, raramente saranno utile nella ricerca di qualcosa di nuovo e radicalmente diverso.

Il sociologo di Stanford Mark Granovetter ha scoperto che i contatti più utili per le persone in cerca di un nuovo posto di lavoro non sono gli amici o nuove conoscenze ma le persone con cui si sono formati rapporti nel corso degli anni. Inoltre, quanto più l’occupazione di questi amici differisce dal proprio lavoro, è più probabile che si sta per fare con successo una brusca virata della carriera.

Forse il più grande ostacolo al cambiamento nella vita professionale, la sensazione che ogni modifica sostanziale del cambiamento dovrebbe essere sul principio del “o tutto o niente”. O lasci un insoddisfacente lavoro, o solo stringi i denti e continui a sopportare ulteriormente.

Ma il trucco è quello DI FARE IN REALTA’ QUALCOSA ADESSO!

Abbiamo bisogno di trovare sempre nuove sfide e di acquisire le competenze necessarie per rispondere ad esse. Inoltre, proprio questo momento, la definizione degli obiettivi fornisce alla nostra vita nuova struttura e significato, che porterà a livelli più elevati di soddisfazione.

La vita reale, per definizione, è piena di improvvisazioni e consiste delle nostre reazioni su eventi specifici e delle soluzioni in un determinato momento e poi in ogni successivo.

Come ha scritto Tom Peters: “Ho detto molte volte e sicuro con tutto il cuore questo: per 48 anni ho imparato solo una cosa, chi sta cercando il più possibile i modi, vince”

Agisci adesso! Cambia la tua vita!

Mai essere negativi con le proprie persone!

Mai essere negativi con le proprie persone!

Mai, IN NESSUN CASO! Se vuoi diventare un vero leader non devi MAI commettere questo errore! Non importa se hai avuto una brutta giornata o se la persona in questione è il tuo migliore amico da quando eri alle scuole medie.

Lasceresti i tuoi bambini piccoli da soli in casa? Certo che no! potrebbero farsi male. Le tue nuove persone sono, per l appunto, come bambini appena nati! Ti sei mai chiesto: come mai vi è un tasso di abbandono così alto per i nuovi arrivati nel network marketing? Allo stesso modo di un neonato che, se non curato sarà bersaglio di germi, infezioni e malattie, i neofiti del MLM saranno vittime di energie negative, di rifiuti (i tanti NO), si sentiranno emotivamente abbattuti, e come i neonati cominceranno a piagnucolare non appena sorgeranno i primi problemi. Le tue sottoscritti richiedono la tua attenzione costante soprattutto nei primi mesi della loro attività in cui sono più vulnerabili.

Quando dici negatività intendo tutto quello che può abbattere il morale delle persone come lamentarsi dell azienda con la quale si lavora, lamentarsi della politica, lamentarsi che il mondo non va nella direzione giusta, parlar male dei clienti, arrabbiarsi con i propri collaboratori perché non producono a sufficienza etc etc.

Quando le persone si uniscono in un MLM, non si aggregano ad un’opportunità di una anonima azienda ma, si UNISCONO a TE! Le persone aderiscono al Business perché credono in te e ti vedono come una sorta di leader. Se Trasmetti negatività alle tue persone, facilmente perderanno la fiducia in te e la tua attività si distruggerà in pochissimo tempo.

Quando affronti una nuova sfida, qualunque essa sia e vuoi lamentarti di qualcosa con qualcuno fallo con il tuo sponsor. Saprà ascoltarti perchè il tuo sponsor quelle sfide le ha affrontate prima di te!

 

 

Mai essere negativi con le proprie persone!

Se ti è piaciuto il mio articolo lasciami un commento…..

Dobbiamo essere chiari con le persone.

Dobbiamo essere chiari con le persone.

Questo è un argomento molto delicato. Se hai una persona che non fa l’attività, non riesce a fare soldi ed è continuamente demotivata dopo 3, 4 o 5 mesi, che cosa farai? A me piace l’onestà e penso che sia fondamentale essere onesti prima di tutto con se stessi! Sicuramente è molto importante non mollare mai. E ancora più vero che bisogna anche volerlo!

Le domande di persona che non ottiene risultati sono queste: cosa sta facendo per riuscire ad avere successo nel suo business? Quante azioni differenti a provato per ottenere successo? Si sta impegnando veramente nel business o sta li a collezionare fallimenti solo per il gusto di dire che l opportunità non funziona?.

Se vuoi imparare a far crescere velocemente il tuo business imparare a valutare onestamente le persone per quello che stanno facendo e non in base ad una tua impressione basata sulla simpatia o antipatia.

La vera definizione di follia per me è questa: fare sempre le stesse cose aspettandosi risultati differenti! Devi apprendere una competenza nuova che va al di là della motivazione. Devi capire che ci sono, a questo mondo, persone che si rifiutano di dare una svolta alla loro vita e di raggiungere i loro obiettivi. Sono persone che cambiano troppo lentamente e continuano a fare sempre le stesse cose più e più volte.

Hai due scelte che puoi prendere nei confronti di queste persone :

1. puoi continuare a dire loro anche 1000 altre volte, “non ti preoccupare, stiamo facendo bene…”, nel tentativo di mantenere alti i numeri della tua downline, per fare il figo con i tuoi colleghi nei meeting e nelle serate di formazione.

2. Oppure puoi essere onesto con te e con loro dicendo la verità: Guarda, non stai facendo nemmeno un euro qui con noi, o ti dai una mossa o sei fuori. Non c’è spazio nella nostra squadra per le persone che non vogliono cambiare. Gli chiedi di prendere in considerazione altre opportunità .

Se vuoi fare i numeri, se vuoi avere davvero successo, devi imparare ad essere chiaro con le persone che non stanno producendo risultati. La sincerità alle volte può sembrare dura ma alla lunga paga.

Dobbiamo essere chiari con le persone.

 

Se ti è piaciuto il mio articolo lasciami un commento…..

Quando dicono NO alla TUA offerta.

Quando dicono NO alla TUA offerta.

“Meglio con profonda convinzione dire” No ” invece del “Sì” per piacere agli altri, o peggio, per evitare guai.” così disse Mahatma Gandhi.

Quando un tuo prospect dice NO alla TUA offerta, non prenderla sul personale, perché sta rifiutando una proposta d affari, non te. Dietro quel NO possono esserci infinite motivazioni delle quali tu non puoi essere a conoscenza.

Le persone che rifiutano la tua proposta potrebbero non credere in loro stesse, pensare di non essere abbastanza brave per affrontare una sfida del genere, non avere abbastanza tempo per fare quello che gli stai proponendo, oppure ancora potrebbero temere che la loro immagine ne risentirebbe se gli altri sapessero che fanno un secondo lavoro.

Le obiezioni sono infinite e le motivazioni che spingono le persone a dire NO alla tua proposta sono le più svariate. Accetta questa cosa se sei veramente loro amico. Quando ti offendi per un NO dentro di te comincia a svilupparsi qualcosa di brutto. Ben presto sarai dispiaciuto, ti sentirai invalidato e comincerai a lamentarti del business. La migliore gestione dei NO che ti saranno formulati è l’attesa. Se continui a fare l’ attività serenamente con calma e pazienza presto o tardi diventerai per loro un punto di riferimento e quando si sentiranno pronti saranno loro a venire da te per chiederti di entrare nel business.

Valuta attentamente questo fatto: Non c è danno più grande nel MLM di quando qualcuno dice SI solo in base ad un rapporto di amicizia e fiducia reciproca con TE. Se le persone entrano in un network solo per il fatto che sono tuoi amici, ti vogliono bene, non vogliono deludere le tue aspettative e non hanno abbracciato un business cominceranno ben presto a diventare un problema. Tu hai bisogno di sponsorizzare gente che crede davvero nel business e che ti diano una mano a crescere.

 

Quando dicono NO alla TUA offerta.

Se ti è piaciuto il mio articolo lasciami un commento…..

Non essere te stesso

Non essere te stesso

Questo è forse l’errore peggiore e più diffuso tra i principianti del network marketing. Immagina questa situazione: Chiami un persona che vuoi sponsorizzare e, guarda caso, è un tuo amico dai tempi delle scuole superiori (questa è una situazione classica). Ogni volta che lo vedi, e questo non capita molto spesso perché i rapporti si sono ormai affievoliti con il tempo (diciamo che lo incontri una volta ogni 2 o 3 mesi), chiacchierate del più e del meno, parlate un po di politica, di sport e vi fate grosse risate ripensando alle sciocchezze che facevate ai tempi della scuola.

Improvvisamente lo incontri per un caffè per parlare di affari (e questo già sembra un po strano perché in passato non vi siete mai incontrati per affari ), ti presenti vestito in tenuta business (giacca e cravatta), sorriso di plastica, uno spillino con il nome dell’azienda e la scritta diventa l’uomo più ricco della terra, e con tono serio gli dici: Amico mio, io ho in mano una grandissima opportunità di business che cambierà la tua vita! sventolando sotto i suoi occhi la brochure della tua azienda. Il tuo compagno del Liceo penserà di te che sei sotto l’effetto di stupefacenti o sei stato coinvolto in qualche strana setta …

Sii te stesso e mettici il cuore! Non cercare di essere qualcuno che non sei. Incontra i tuoi amici per il piacere di incontrarli e mentre vi aggiornate su quello che state facendo racconta della tua nuova attività con naturalezza digli : sai ultimamente sto facendo anche una nuova attività. E un business interessante che mi consente di creare facilmente un secondo reddito.

Se ti è piaciuto il mio articolo lasciami un commento…..

Quanto ammonta il proprio reddito ?

Quanto ammonta il proprio reddito?

Prova a rispondere a questa domanda: Perché qualcuno dovrebbe andare in giro a dire agli altri quanti soldi sta guadagnando con il proprio lavoro? Troppi networker per nascondere la propria insicurezza sul proprio business, parlano di fantasmagorici guadagni che riescono a fare grazie ai sistemi di compensazione delle aziende. Non so te ma io trovo di cattivo gusto questa pratica oltre a considerarla estremamente pericolosa per due ordini di motivi che ti vado ad illustrare.

1) Non puoi sapere se la persona che hai di fronte è motivata dal danaro o segue un altro driver. Ci sono milioni di persone a questo mondo che non sono motivate dal danaro ma, dalla libertà, dalla serenità, dalla tranquillità, dal riconoscimento sociale, etc.. Dire quanto guadagni per queste persone rappresenta quasi un offesa, in quanto dimostri di non averle comprese nel loro intimo e per questo potrebbero irrigidirsi e rifiutare la tua proposta!

2) Dire quanto si guadagna equivale a qualificarsi su una scala sociale e spesso distanziarsi dal tuo interlocutore. Mi spiego meglio. Se dici di guadagnare 50.000 €  l’anno grazie al network non puoi sapere se quell unità di misura che hai individuato (50.000) è interessante o meno per il tuo interlocutore. Non puoi sapere neppure se per lui sono tanto o poco. In più se te ne vanti fai un danno ulteriore, il tuo interlocutore potrebbe pensare guarda a questo pezzente quanto si pavoneggia per così poco oppure al contrario guarda a questo come guadagna bene senza fare un granché è un classico imbroglione.

Sii te stesso!  Non cercare di essere qualcuno che non sei. Incontra i tuoi amici per il piacere di incontrarli e mentre vi aggiornate su quello che state facendo racconta della tua nuova attività con naturalezza digli : sai ultimamente sto facendo anche una nuova attività. E un business interessante che mi consente di creare facilmente un secondo reddito lo faccio perché voglio mettere da parte un po di soldi per reagire emotivamente.

 

Quanto ammonta il proprio reddito ?

Se ti è piaciuto il mio articolo lasciami un commento…..