l migliori rimedi naturali per la cistite.

Cos’è la cistite?

 

La cistite è un’infiammazione della vescica urinaria, organo cavo dove viene raccolta l’urina proveniente dai reni; in alcuni casi si può avere anche un’infiammazione dell’uretra, cioè il canale che si diparte dalla vescica e che trasporta l’urina al pene o alla vagina. Le cause più frequenti sono da ascriversi a un’infezione batterica da Escherichia coli, più raramente ad altri batteri o virus o ad agenti chimici tossici.

Colpisce con maggiore frequenza le donne; si calcola che circa 1 donna su 4 soffre di cistite almeno una volta l’anno. In particolare, l’incidenza aumenta con l’età: è molto bassa fino ai 20 anni e aumenta progressivamente fino a dopo la menopausa. La probabilità di cistiti ricorrenti cresce con l’aumentare del numero dei casi precedenti, mentre diminuisce tanto più lungo è stato l’intervallo tra una cistite e l’altra.

 

Prestare particolare attenzione all’alimentazione!

 

I sintomi sono dati da bruciori più o meno intensi al basso ventre e stimoli frequenti con urgente bisogno di urinare. E’ opportuno prestare particolare attenzione all’alimentazione; le persone che soffrono di cistiti ricorrenti dovrebbero bere almeno 2 litri di acqua al giorno per evitare urine troppo concentrate e favorire la continua eliminazione dei batteri presenti nelle vie urinarie. Tra i cibi da favorire ci sono quelli ad elevato residuo acido che abbassano il pH urinario e creano un ambiente sfavorevole alla proliferazione batterica.

 

Sesso e cistite.

 

Sesso e cistite sono senza dubbio strettamente legati fra loro per almeno due ragioni.
 La prima è che il dolore e il bruciore che la donna può avvertire durante il rapporto, quando è in corso un episodio infiammatorio, determinano stress e disagio, andando a volte a deteriorare la qualità della vita di coppia. La seconda è che l’attività sessuale stessa può rappresentare un fattore predisponente: lo “sfregamento” può infatti agevolare la migrazione dei batteri dalla zona perianale all’uretra, ma anche sollecitare e infiammare la vescica. I sintomi si manifestano solitamente qualche ora dopo il rapporto, e si parla per questo di cistite post-coitale.

Come curare la Cistite?

 

I rimedi che la medicina classica occidentale ritiene più efficaci in caso di cistite riguardano fondamentalmente la somministrazione di antibiotici, ma sappiamo benissimo dei gravi effetti collaterali che questi possono provocare e bisogna inoltre considerare il fatto che i batteri trattati con antibiotici diventano sempre più resistenti e quindi più virulenti. La medicina attuale si sta orientando verso la ricerca di rimedi naturali nei confronti dei batteri che sono più efficaci nella cura e nella prevenzione della cistite.

 

Curare la Cistite in modo naturale: con il Ganoderma Lucidum.

 

Il Ganoderma Lucidum è un antibiotico naturale contro la cistite ed ha anche una funzione preventiva contro il rischio di ricadute, questo perché si è visto che componenti importanti di questo fungo come la ganomicina, i triterpeni, i chinoni e i polisaccaridi hanno una notevole attività antibatterica.

Possiamo dire ormai senza ombra di dubbio, considerate le numerose ricerche, che il Ganoderma ha una doppia azione antibatterica; una prima azione è quella di antibiotico antibatterico naturale con relativa eliminazione diretta dei batteri; la seconda azione consiste nel fatto che il Ganoderma ha una forte capacità di aumentare il numero e la potenza delle cellule immunitarie la cui azione è diretta nella distruzione dei batteri.

Quindi, in conclusione, da quanto abbiamo detto, risulta chiaro che il Ganoderma Lucidum dovrebbe rappresentare la terapia più utile in casi di cistite perché, a differenza degli antibiotici di sintesi, non determina aumento della resistenza dei batteri e quindi non perde efficacia nel tempo e, cosa importantissima, per il fatto che, essendo completamente naturale, non dà nessun tipo di effetti collaterali.

 

Curare la Cistite in modo naturale: con l’Ortica.

 

Tra le varie erbe disponibili in natura, e da assumere sempre dopo aver vagliato il parere del proprio medico curante, l’ortica è certamente la pianta dai migliori effetti sul sistema urinario.L’ortica è considerata tra le piante officinali in grado di donare un sollievo immediato in caso di cistite lieve. Può essere inoltre utilizzata come rimedio preventivo nelle persone che soffrono di cistiti ricorrenti.

L’ortica, grazie al suo alto contenuto di fitosteroli, scopoletina, tannini, sali minerali e altre preziose sostanze, ha un impatto sia lenente che disinfettante contro la cistite. Innanzitutto rende l’urina meno acida, garantendo una minzione a prova di dolore. Poi disinfetta tutto l’apparato urinario, dai reni fino alla parte terminale dell’uretra, contribuendo all’eliminazione di eventuali e indesiderati batteri. L’ortica ha proprieta’ diuretiche e può essere impiegata per la preparazione di tisane, utilizzandone le foglie essiccate.

 

Curare la Cistite in modo naturale: con l’Aloe Vera.

 

Molto tempo prima dello sviluppo sintetico degli antibiotici era già noto l’effetto antibatterico dell’Aloe Vera che faceva di lei la pianta medicinale per eccellenza contro tutti i tipi di infiammazione. L’Aloe Vera è un potente antinfiammatorio e antibiotico naturale, quindi rappresenta un valido aiuto per problemi di cistite. Ma non solo.. la pianta  possiede anche proprietà antimicotiche, e per questo può aiutare a prevenire i funghi e la candida.

  •  Assumere regolarmente Aloe Vera Gel,
  •  La prevenzione si effettua detergendo le zone intime con prodotti non aggressivi ad azione batteriostatica, come il detergente intimo a base di Aloe Vera;
  •  Se il fastidio fosse insopportabile, porre Aloe Vera Concentrata, in quantità simile ad una supposta, in un piccolo foglio di carta stagnola ed inserirla all’interno del congelatore fino all’indurimento. Inserirla all’interno della vagina per calmare il senso di bruciore e infiammazione.

La malattia si dovrebbe risolvere entro due settimane.

 

Curare la Cistite in modo naturale: con Succo di mirtilli rossi.

 

Il succo di mirtilli rossi, dalle proprietà antinfiammatorie, è utile sia per prevenire una cistite ricorrente, sia per contrastare i primi sintomi. Il succo di mirtillo in particolare, ricco di polifenoli, antocianidine e proantocianidine, svolge un’azione inibitrice della fissazione dei batteri sulla parete vescicale che, insieme all’acidificazione dell’urina, lo rendono estremamente indicato per evitare le infezioni urinarie recidivanti.

Ne andrebbero consumati due bicchieri al giorno. Il succo di mirtilli rossi è considerato efficace nel combattere le infezioni alle vie urinarie. E’ inoltre possibile reperire in erboristeria prodotti fitoterapici a base di estratti di mirtillo rosso, adatti nei casi di cistite più acuti.

Se ti è piaciuto il mio articolo, clicca mi piace e condividilo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

LASCIA IL TUO COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.