Il Colostro: Cosa è?

Cos’è il colostro.

 

Il colostro è la sostanza prodotta dalla ghiandola mammaria nelle prima 48-72 ore dopo la nascita. Questo periodo è talmente importante che, senza di esso, molti mammiferi neonati non sopravviverebbero. Per diverse ragioni, quello umano non può essere utilizzato facilmente o costituire una fonte primaria di prodotto da utilizzare. Nell’ultimo decennio è stato individuato nel colostro bovino la più valida fonte alternativa di produzione — sia per qualità che quantità — per la somministrazione nell’uomo.  Oltre ad essere fonte importante di proteine, grassi, carboidrati, vitamine e minerali, quello umano contiene molte molecole biologicamente attive, essenziali per le funzioni immunitarie e di crescita.

I fattori, presenti anche in quello bovino, sono praticamente identici a quelli rilevabili in quello umano, ma molti risultano in quantità più rilevanti e farmacologicamente interessanti. Ad esempio alcune immunoglobuline e growth factors sono presenti in quantità circa 4 volte maggiori rispetto a quelle rilevabili in quello umano.

 

Da cosa è composto?

 

Esistono oltre 90 componenti conosciuti nel colostro. Quelli principali sono: Vitamine (A, complesso B, C, D3 ,E ); Coenzima Q10; Minerali e oligoelementi; Amminoacidi; Fattore della crescita (IGF e TGF); Immunoglobuline (IgA, IgD, IgE, IgG e IgM); Immunoregolatori (Lattoferrina, Lisozina, Glicoproteina, Polisaccaride, Citochina, Interleuchina, Interferone, Polipeptidi ricchi di prolina).

Il colostro contiene una grande quantità di globuli bianchi (linfociti) e di immunoglobuline, soprattutto di tipo A, ma anche IgG e IgM. Queste proteine difensive sono dotate di una notevole capacità anti-infettiva e agiscono soprattutto a livello dell’intestino; rappresentano i componenti principali del così detto “sistema immunitario adattativo”. Si ipotizza anche che le IgA, ovvero le più numerose, possano essere assorbite a livello intestinale e, una volta in circolo, secrete nuovamente in distretti differenti.

Altri fattori del colostro appartengono al “sistema immune innato” e sono: lattoferrina, lisozima, lattoperossidasi, complemento e polipeptidi ricchi di prolina (PRP)Il colostro apporta anche un discreto numero di citochine (peptidi messaggero in grado di modificare il comportamento di certe cellule), tra queste: interleuchine, fattori di necrosi tumorale, chemochine ecc.

Non mancano i fattori di crescita, come quello insulino-simile I (IGF-1) e II (IGF-2), fattori di trasformazione alfa, beta 1 e beta 2, fattori di crescita dei fibroblasti, fattore di crescita epidemico, fattori stimolanti la crescita dei granulociti e dei macrofagi, fattore di crescita derivato dalle piastrine, fattore di crescita vascolare endoteliale e fattore 1 stimolante le colonie.

In sintesi, gli antimicrobici e i fattori di crescita rappresentano la principale componente bioattiva del colostro; mentre i primi selezionano la flora batterica intestinale e tutelano la mucosa dai patogeni, i secondi promuovono lo sviluppo dell’intestino stesso. Ricordiamo anche nel latte materno sono presenti alcuni oligosaccaridi in grado di fungere da agenti prebiotici sulla flora batterica intestinale.

 

Proteine e Grassi.

 

Il colostro è anche ricco di proteine e, tra queste, non mancano le albumine; si tratta di peptidi estremamente utili nel trasporto di numerosissime sostanze (come farmaci, ormoni, ecc.), di sali minerali e di globuli bianchi (leucociti). Tra le vitamine spiccano i retinolo equivalenti (vit. A) e, in merito ai sali minerali, il più presente è il cloruro di sodio (sarebbe interessante capire se ciò dipende dall’alimentazione della nutrice o meno).

Suggerimento. Il colostro ha quindi delle caratteristiche quasi opposte a quelle del latte maturo, perché quest’ultimo è ricco di lattosio, di lipidi e di potassio, ma risulta povero di proteine (0,9%, contro il 2,8% del colostro).

Il colostro è ideale per:

 

• Prevenire l’osteoporosi e rallentare l’invecchiamento delle cellule;
• Chi pratica molta attività fisica;
• Chi è intollerante al lattosio;
• Integrare l’alimentazione dei bambini;
• Migliorare la capacità di guarigione dell’organismo;
• Aumentare le difese immunitarie;
• Le allergie e potenziare il sistema immunitario;
• I dolori e l’affaticamento muscolare;
• Svolge un’azione di protezione batterica, virale e fungina;
• Alleviare i dolori dovuti all’artrite reumatoide;
• Contribuisce a sconfiggere diarrea, salmonellosi, Shighella, Campylobacter;
• Rallentare i processi dovuti alla sclerosi multipla;
• Combattere: asma, lupus, candidosi, herpes;
• Riparare e guarire le ferite;
• Ridurre le ulcere causate da Helicobacter pylori;
• Combattere raffreddori e influenze virali;
• Combattere le malattie cardiovascolari;
• Ha un’ottima Azione anticancerogena.

I componenti del colostro (fattori immunitari e fattori di crescita) contribuiscono ad incrementare le difese immunitarie del nostro corpo e conseguentemente anche a diminuire la nostra suscettibilità nei confronti delle malattie, soprattutto quelle di origine batterica e virale. L’assunzione contribuisce ad incrementare lo stato di salute ed il benessere nei soggetti sani ed a favorire la guarigione in quelli malati, debilitati od immunodepressi. Tutti questi fattori agiscono in perfetta sinergia per ristabilire e mantenere uno stato di buona salute. E’ un rimedio naturale per molte patologie e un grande aiuto nella formazione della massa magra muscolare e brucia-grasso!

 

Se ti è piaciuto il mio articolo lasciami un commento…..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

LASCIA IL TUO COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.