Allergie

Allergie stagionali

Allergie stagionali

Lo sai che la stagione delle allergie non è solo la primavera?

La primavera sferra un potente attacco al sistema immunitario di chi accusa allergie, non è più clemente l’estate: con l’avanzare della bella e calda stagione non tutte le fioriture si arrestano ed alcune, come l’ambrosia, si protraggono addirittura fino all’autunno. Sfangato il caldo estivo, quindi, non si è ancora al riparo: ottobre infatti è il mese di funghi e muffe!

Insomma, non esistono ferie dall’allergia.

Per non lasciarsi cogliere impreparati in nessuna stagione, può allora esser utile consultare i bollettini pollinici, individuando così i periodi e le tipologie di pollini che possono attaccare il sistema immunitario, regione per regione. “Ogni anno però – prosegue lo specialista – fattori quali l’umidità, l’intensità delle piogge, la rigidità del clima possono determinare variazioni importanti circa la fioritura delle piante e, di conseguenza, sull’impollinazione. Ecco spiegata la necessità di verificare sempre le ondate polliniche, con dati aggiornati dai Centri Nazionali di Aereobiologia e dalle Asl locali, al fine di avere “previsioni” di breve termine e più attendibili”. Monitorare i flussi di polline ha consentito di rilevare anche le tendenze in atto tra cui: un sensibile aumento di casi di allergia ad alberi a fioritura precoce o pre-primaverile, il diffondersi di granuli pollinici esotici, (di recente introduzione nel nostro ambiente) ed infine la comparsa di nuove forme allergiche, connesse ai pollini di piante i cui semi sono giunti in Italia insieme alle sementi agricole di origine estera. Il fenomeno della globalizzazione non ha freni… e riguarda anche le allergopatie!

 

allergie stagionali

Se ti è piaciuto il mio articolo lasciami un commento…..

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

LASCIA IL TUO COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.