Idratazione della pelle: Non farti sedurre dal brand.

 Perche è importante idratare la pelle

 

Tutti abbiamo sentito come è importante idratare la pelle per prevenire l’ invecchiamento preсoce. L’uso di una crema idratante aiuta a mantenere la pelle in salute e a rallentare l’inevitabile perdita di tono ed elasticità che avviene con il passare degli anni, anche se, non dimentichiamolo, agisce solo sullo strato più superficiale della pelle.

Del resto, la nostra pelle ha una struttura capace di regolare la perdita d’acqua verso l’esterno ed è dotata di un manto (fatto di sebo-sudore) che la rende morbida e liscia, senza screpolature. Questa condizione viene favorita dall’uso di creme. Un cosmetico, però, non fa mai miracoli, anche se la pubblicità o un prezzo molto alto spesso lo suggeriscono, perché non agisce sui livelli più profondi della pelle come un trattamento medico-estetico.

 

Il prezzo alto non sempre significa maggiore efficacia.

 

Una crema idratante per il viso che si compra al discount per poco di più di due – tre euro può competere con un marchio del lusso venduto in selezionate profumerie che costa quasi 100 volte di più? Certo che no, se spendo 250- 270 euro per un vasetto da 60 ml mi aspetto che la crema sia la più efficace, la più idratante, anzi… per questa cifra voglio il “miracolo”. Se costa di più, funziona di più. I responsabili del marketing conoscono bene il rapporto tra prezzo e valore percepito dal consumatore e sanno sostenere l’illusione.

Suggerimento. Basti pensare al marketing che avvolge il marchio La Mer di una storia da leggenda: la costosissima crema sarebbe il frutto di una scoperta del fisico aerospaziale Huber che per curarsi le ustioni che si era provocato in un incidente scoprì un’alga (raccolta a mano nel Pacifico… ) che ha portato alla formulazione del prezioso “Miracle Broth” l’ingrediente che ha reso la crema “leggendaria”.

Leggenda, miracolo… le parole hanno un peso nel creare l’illusione. Una bellissima favola che funziona nel magico mondo della profumeria ed in quello di Hollywood, a giudicare dalle dive che dichiarano di usare la preziosissima crema (profumatamente pagate?). Insomma, l’efficacia di un prodotto non è legata al prezzo e nemmeno al punto vendita.

 

Occhio agli ingredienti!!!

 

Le sostanze che sarebbe meglio non trovare nella lista degli ingredienti dei cosmetici destinati a rimanere in contatto con la pelle, come le creme e il make up e che è meglio evitare sono:

  • il ethylhexyl methoxycinnamate (detto OMC), un filtro solare chimico che può agire come interferente endocrino, cioè può alterare il nostro equilibrio ormonale con effetti sulla salute nel lungo periodo.
  • il methylisothiazolinone, potente ed efficace conservante, abbastanza diffuso anche se responsabile di fenomeni di sensibilizzazione. Dal 12 febbraio 2017 sarà vietato grazie all’entrata in vigore di un regolamento europeo (CE 2016/1198);
  • il propylparaben e il butylparaben – conservanti che fanno parte della famiglia degli interferenti endocrini .

 

Attenzione alle fragranze!

Bisogna dire, però, che la maggior parte delle creme contiene fragranze allergeniche che possono provocare reazioni cutanee di tipo allergico a persone con pelle più sensibile e tutte hanno sostanze che servono a profumare il prodotto (indicate con “parfum”). Questo ci porta a consigliare a chi ha una pelle particolarmente sensibile o è allergico di leggere bene l’etichetta.

 

Il claim “dermatologicamente testato” o “ipoallergenico”

Il rassicurante “dermatologicamente testato” è riportato sulle etichette di quasi tutte le creme. Questo claim (e altri simili) ci induce a pensare che il prodotto sia più sicuro e non dia reazioni negative sulla pelle. Invece, tutte le creme che lo riportano contengono profumi e, alcune, anche diversi mix di fragranze allergeniche. In effetti, il claim significa solo che il prodotto è stato testato su esseri umani sotto la supervisione di un dermatologo ma non dice nulla sugli ingredienti. Così come “ipoallergenico”, che si trova persino su prodotti venduti in farmacia o parafarmacia, non certifica una formula senza allergeni o altre sostanze scomode.

 

Scopri la data!!! Anche le creme scadono!

Non sono quasi mai indicati insieme la scadenza e il periodo dopo l’apertura (PAO)

 

Conveniente ed efficace

 

Quando compriamo un prodotto per il viso c’è sempre una componente emotiva che ci spinge verso il marchio che riesce a suscitare di più in noi una sensazione di piacere e di gratificazione. Anche l’esperienza di acquisto conta. Comprare una crema tra gli scaffali scarni ed essenziali del discount o esposta su quello del supermercato accanto a mille altre è diverso dall’allure più esclusiva e prestigiosa della profumeria o da quella più scientifica che assume il prodotto venduto in farmacia.

 

Le strategie del marketing nella cosmesi di lusso

 

Nel mondo del lusso la vendita di un prodotto non è solo un atto di acquisto, ma è un vero e proprio atto di seduzione che il brand fa nei confronti del consumatore. Quando acquista viene “sedotto” dal brand, dai suoi valori, dalla sua immagine, dalla sua storia e attraverso packaging, immagine, fragranza, modalità di vendita.

Il consumatore cerca il brand prima di scegliere il prodotto, infatti dà per scontato che se questi si può permettere di essere “marchiato” con il brand di lusso, debba essere di qualità e dare una garanzia di efficacia. E questo deve essere vero previa lo scadimento dei valori che il brand di lusso deve sostenere.

L’esperienza di acquisto deve far sentire il consumatore appartenente a un “club esclusivo” definendo anche in un certo modo il suo lifestyle. Inoltre, il brand di lusso deve avere una serie di elementi aggiuntivi (shopping bag, campioncini, carta club…) che servono e distinguere e a rendere unico ed esclusivo l’atto di acquisto. I marchi che vendono cosmetica di lusso devono essere al top della ricerca e l’efficacia dei loro prodotti non dovrebbe essere oggetto di discussione.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo con i tuo amici e lasciami un commento per sapere cosa ne pensi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

LASCIA IL TUO COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.